Verso la porta dei Monti Sibillini

L’itinerario ci porta verso Amandola, la porta dei Monti Sibillini con i suoi molteplici percorsi naturalistici; il paesaggio ci rimanda come un’eco ai fantastici mondi di fiabe ed incanti e ci ricorda le magiche storie di Antoine De La Salle e del Guerrin Meschino, le profezie della Sibilla e le favole delle Fate. La leggenda narra che nell’antro della Sibilla, vivesse la profetessa che raramente rivelava i suoi segreti; è così che cavalieri erranti giungevano da tutta l’Europa nella speranza di carpirne un oracolo.

 
Dall’uscita autostradale di Porto San Giorgio, in circa 40 minuti possiamo arrivare a Monteleone di Fermo seguendo la SP87 e la SP112, svoltiamo a destra per la SP66 e ancora una volta a destra per la SP61 fino alla SP53.
Nella risalita verso Monteleone di Fermo di sicuro incontreremo ciclisti e giocatori di “Ruzzola”. Il suo territorio offre aspetti paesaggistici molto particolari: lungo i due torrenti, l’Ete e il Lubrico, possiamo infatti trovare i vulcanelli fangosi, ossia modeste eruzioni melmose del sottosuolo. Non meno suggestivi sono i calanchi, solchi profondi prodotti dall’erosione sul terreno argilloso, in particolare lungo la Valle dell’Ete.


Seguendo le indicazioni per Montelparo, arriviamo al “Murello”: così viene chiamato questo piccolo borgo che come una nave che punta dritta verso oriente, ha di fronte a se l’immenso panorama del Monte dell’Ascensione e dei Sibillini. Guarda inoltre verso Santa Vittoria in Matenano, il cui centro storico conserva l’antico tracciato medievale e le caratteristiche costruzioni in mattoni. Sicuramente da non perdere sulla vetta del Monte Matenano, il complesso del “Cappellone degli Innocenti” e il Santuario della Collegiata di Santa Vittoria. 


Raggiungiamo Montefalcone Appennino, la nostra prossima tappa, seguendo la SP42 e la SP49. Da sempre i fossili hanno attirato l’interesse di molti, salire fino a Montefalcone a raccogliere “conchiglie” è stato, e lo è tuttora, un hobby praticato da molti. Nel 1996 nasce il Museo Comunale dei Fossili e dei Minerali (Tel. 0734/79136) presso Palazzo Felici, che conserva fossili locali e minerali da tutto il mondo. Espone una ricca collezione di arte e natura e, nel giardino pertinente, si può visitare una serra con 400 piante grasse. 


A pochi minuti, sulla SP50, arriviamo a Smerillo, un piccolo borgo dalla mille proposte: nel 1987 è stato istituito il Centro di Educazione Ambientale “Bosco di Smerillo” (Tel. 073479423) che organizza moltissime attività legate all’astronomia, alla natura ed anche allo sport. Si pratica infatti l’orienteering: un’attività che prevede la scelta di obiettivi da raggiungere attraverso l’uso di carte topografiche con segni convenzionali; vince chi impiega il tempo minore, non è sempre il più veloce, ma chi è in grado di orientarsi.

 

Da Smerillo, seguendo la SP 105, giungiamo a Montefortino. Il paese sorge sulla dorsale di un colle, a circa 700 mt s.l.m., di fronte allo splendido scenario dei Monti Sibillini e la presenza più fascinosa è quella del Monte Sibilla, la profetessa che predisse la nascita di Cristo. Montefortino possiede un sigificativo patrimonio di beni culturali diffusi nel territorio, ma anche un luogo deputato alla conservazione e alla manutenzione delle opere d'arte: all'interno di Palazzo Leopardi è ospitata la Pinacoteca Civica intitolata a Fortunato Duranti.


Scendendo verso SP83 arriviamo finalmente alla nostra meta: Amandola ed entriamo nel Parco dei Monti Sibillini. Ci troviamo a 500 m s.l.m. sul versante sud orientale dei Monti Sibillini, in una splendida posizione panoramica. Adagiato sulla sommità di tre colli, borgo ricco di storia e di natura trae il suo nome dalla pianta del mandorlo. Nella Casa del Parco, all’interno del Chiostro di San Francesco (Tel. 0736-848598) possiamo raccogliere tutte le informazioni necessarie all’accesso e alla visita, e non possiamo perdere l’occasione di acquistare gadgets, guide, mappe e pubblicazioni del Parco.

 

Itinerario consigliato per la durata di 3 giorni.

Elenco Punti di Interesse associati all'itinerario

Amandola
Montefortino
Smerillo

Numeri Utili:
Croce Azzurra 0734 780231
Poste Italiane 0734 79459
Amministrazione comunale 0734 79124

Montefalcone Appennino

Numeri Utili:
Comune: 0734-79111
Polo Museale: 0734-79136

Sito/Mail:
www.montefalcone.it

info@montefalcone.it

Uffici Informazione:
Via S. Pietro 22
Tel/Fax 0734-79111/0734-79120

Santa Vittoria in Matenano

Numeri Utili:
- Municipio 0734.780111
- Polizia Municipale 0734.780111

Montelparo
Monteleone di Fermo

 

 

Notizie

Sant'Antonio Abate e "Lu Cuppu"

Panette e benedizione degli animali, questi sono gli elementi tradizionali della festa di Sant’Antonio Abate che si festeggia ogni anno il 17 gennaio.

Il Natale nel Fermano

Le vetrine già colorate e decorate a festa, le vie e le piazze illuminate danno il via al periodo natalizio nel Fermano. I piccoli borghi si animano e riprendono vita, tanti gli eventi organizzati che allietano le vacanze di turisti e cittadini…questa è la magia del Natale, vieni a viverla nella Marca Fermana

San Liberato - Il luogo del "mio" cuore

In occasione della 9a edizione de “I Luoghi del Cuore”, il censimento nazionale dei luoghi da non dimenticare promosso dal Fondo Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa San Paolo ed il Patrocinio del Ministero dei Beni Culturali, la Delegazione FAI di Fermo conduce la campagna di raccolta firme per accedere ai progetti di valorizzazione e recupero della Chiesa di San Liberato che sorge sull’omonimo colle.

©2017 Marca Fermana Via Oberdan, 1, - 63822 Porto San Giorgio (FM)
tel. 0734.221621 - e-mail: segreteria@marcafermana.com

Pec: certificata@pec.marcafermana.it

©Tutti i diritti riservati - Cookie Policy - Credits