Torre dell'Abate Odorisio
Corso Matteotti,
63854 Santa Vittoria in Matenano (FM)
Italia
Descrizione

Fatta costruire dall’Abate Odorisio, la Torre, elevata nel periodo in cui l’abate ricoprì la carica di Podestà, svetta nel centro del borgo medievale di Santa Vittoria in Matenano.

 

Accanto acquistò una casa che divenne poi il Palatium Communis, i cui segni  si scorgono tutt’oggi  nell’arco gotico della torre.

 

I merli che si vedono oggi, di tipo ghibellino, non rispecchiano la fattura del tempo. Santa Vittoria in Matenano  fu sempre fedele alla chiesa pertanto l’originale costruzione prevedeva dei merli piatti e quindi guelfi.

 

La torre che veglia sul borgo porta con se un’altra affascinate storia, quella del passaggio del sole all’interno dell’apertura gotica. È un caso o no che il sole, durante la prima settimana d’estate passi proprio in mezzo alla porta? La particolare congiunzione astrale e la posizione della torre sembrano proprio essere studiate appositamente.

 

Oggi questa leggenda rivive con la Festa del Sole organizzata dalla locale delegazione del FAI  che per l'anno 2019 cadrà nei giorni 4/5/6 Agosto. Scopri l'evento

 

SCOPRI DI PIÙ SUL FENOMENO

Siamo a chiederci se si tratta di un caso o di una scelta progettuale che il sole entri perfettamente nell’arco ogivale in un tempo preciso e che lentamente va ad incorniciarsi all’interno della Porta della Torre dell’Abate Odorisio.

 

Architettura e natura insieme in un fenomeno di rara bellezza e di grande suggestione. Possibile che sia solo il frutto di una mera casualità?

 

Gli allineamenti astronomico-astrologici, nell’antichità, sono stati da sempre utilizzati per tracciare e costruire Templi, Cattedrali e luoghi di venerazione agli Dei.

Ma qui non si tratta di un luogo sacro o di culto. E allora?

 

Uno studio sulla centuriazione romana del periodo augusteo evidenzia tratti viari ancora leggibili nel territorio di Santa Vittoria in Matenano, appartenente alla seconda centuriazione quella facente capo a Falerio Picenus, il proseguo in quota del Decumano non a caso arriva a via Cisterna.

 

Per disegnare una nuova città era necessario tracciare le due direttive principali Nord-Sud, il Cardo, e il Decumano Est-Ovest,  quest’ultima necessaria per tracciare quella principale che era il Cardo, si utilizzava la luce del Sole.

Solitamente questo avveniva al sorgere del Sole, ma in base all’orografia del territorio, poteva avvenire anche al tramonto.

Questo avveniva in determinati giorni importanti, ad esempio i Solstizi e gli Equinozi, o rilevanti per il luogo, potrebbe indicare il giorno in cui è stata fondata la città.

Il fenomeno che si verifica è quasi sicuramente la rappresentazione di questa misurazione, anche perché la via è pressoché perfettamente allineata con l’asse est-ovest con un piccola differenza di pochi gradi, dovuta probabilmente alla conformazione del terreno.

Considerato che la Torre è una costruzione del XIII secolo e la fondazione della città risale al IX secolo, periodi questi di grande conoscenza dei fenomeni astronomico-astrologici finalizzati alle costruzioni, sembrerebbe che l’incorniciarsi della sfera di Fuoco del Sole all’interno della porta della Torre di Odorisio non sia un fatto casuale.

 

Obiettivo è destare quella sana curiosità che porterà senza alcun dubbio a conoscenze che evolveranno descrivendo questo stupendo fenomeno, cosi particolare nel suo tramonto estivo delle prime giornate di agosto.

 

Non resta che goderci lo spettacolo della natura incorniciata dall’opera degli Antichi Costruttori, vi aspettiamo tutti.

 

 

festa_del_sole_(8) festa_del_sole_(10)   festa_del_sole_(9)
 festa_del_sole_(1)  festa_del_sole_(11)  festa_del_sole_(5)
 festa_del_sole_(3)  festa_del_sole_(12)  

 

 

 

 

Notizie

Filofest 2019 - Ricostruire l'umano

Alti contenuti, linguaggio accessibile, nei luoghi della quotidianità. Su questa scommessa si fonda Filofest.

La possibilità di praticare una sorta di filosofia di strada, uscendo dai ristretti recinti accademici.

Torneo Cavalleresco Castel Clementino

Atmosfere medievali nel centro storico di Servigliano.

Festa del sole

Una festa magica, con il sole che attraversa la Torre di Odorisio.

Prodotti tipici
Il “Coppu” di Montelparo

Il “Coppu” di Montelparo

Prodotti tipici - Km 3.582
Tartufo

Tartufo

Prodotti tipici - Km 4.597
Lu serpe (o lu serpu)

Lu serpe (o lu serpu)

Prodotti tipici - Km 9.739
Li Caciù co’ la Fava

Li Caciù co’ la Fava

Prodotti tipici - Km 11.233
La Galantina di Grottazzolina

La Galantina di Grottazzolina

Prodotti tipici - Km 14.017

©2019 Marca Fermana Via Oberdan, 1, - 63822 Porto San Giorgio (FM)
tel. 0734.221621 - e-mail: segreteria@marcafermana.com

Pec: certificata@pec.marcafermana.it

©Tutti i diritti riservati - Cookie Policy - Credits