Li Caciù co’ la Fava

La tradizione lo vuole servito a fine pasto come dolce nonostante sia un piatto salato. La cucina moderna lo propone con gli aperitivi oppure come antipasto associato ad affettati misti, formaggi locali.

RICETTA

 

Ingredienti:

7 uova, farina q.b., acqua minerale frizzante q.b., sale, 1 kg di fave (secche o surgelate), buccia di limone, foglie di alloro, olio di semi per la frittura.

Per la pasta: rompere in una terrina 7 uova, aggiungere 4 gusci di acqua minerale frizzante e un pizzico di sale, aggiungere farina perché la pasta possa raggiunge una consistenza da poter essere lavorata con le mani aggiungendo ancora farina. Quando l’impasto sarà ben omogeneo, fare la sfoglia a mano o con la macchinetta per la pasta. Tagliare dei quadrati di pasta di 5-6 cm. Mettere il ripieno di fave e chiudere tipo raviolo. Friggere in abbondante olio di semi.

Per il ripieno: lessare le fave (precedentemente tenute in ammollo e private della buccia - per chi utilizza le secche, secondo le istruzioni per chi utilizza le surgelate) con la buccia di limone (togliere a metà cottura) e qualche foglia di alloro, lasciar cuocere fino a quando raggiungeranno un aspetto cremoso.

A questo punto togliere le foglie di alloro, e passare al setaccio, aggiungere sale e lasciare raffreddare. Questo è il tipico ripieno povero della tradizionale cucina contadina del territorio. Ora a questa si sono aggiunte delle varianti: aromatizzare con liquori a proprio gradimento oppure aggiungere cacao per dare il sapore di cioccolato ecc.

Monte Vidon Corrado

Notizie

Le escursioni nel Fermano

Il territorio della Provincia di Fermo offre scenari incantevoli, dal litorale sabbioso passando per le dolci colline, fino ad arrivare alla montagna che d'inverno si tinge di bianco. 

50° Torneo Cavalleresco Castel Clementino

Nel 1450 l’Abate di Farfa cedette alla Comunità di Servigliano la Piana di San Gualtiero. L’evento, testimoniato anche da una pergamena, viene fatto rivivere ogni terzo fine settimana del mese di agosto. Il con i suoi 300 figuranti in abiti del XV secolo, il Torno Cavalleresco di “Castel Clementino” ricorda questo importante momento per la città di Servigliano.

SmartMarca, il territorio a portata di click

Il Fermano come non l'avete mai visto. Poter guardare il territorio con occhi nuovi. Anzi, con occhi diversi.

Prodotti tipici
Lu serpe (o lu serpu)

Lu serpe (o lu serpu)

Prodotti tipici - Km 2.207
La Galantina di Grottazzolina

La Galantina di Grottazzolina

Prodotti tipici - Km 9.747
Il “Coppu” di Montelparo

Il “Coppu” di Montelparo

Prodotti tipici - Km 12.094
Tartufo

Tartufo

Prodotti tipici - Km 14.901
Tagliatelle fritte

Tagliatelle fritte

Prodotti tipici - Km 19.051

©2017 Marca Fermana Via Oberdan, 1, - 63822 Porto San Giorgio (FM)
tel. 0734.221621 - e-mail: segreteria@marcafermana.com

Pec: certificata@pec.marcafermana.it

©Tutti i diritti riservati - Cookie Policy - Credits