Grottazzolina
Corso Vittorio Emanuele II, 56
63844 Grottazzolina (FM)
Italia
0734.631443
0734.632615
Descrizione

Nel cuore della Provincia di Fermo, a metà strada tra il Mare Adriatico e i Monti Sibillini, su una dolce collina a 227 metri s.l.m., sorge Grottazzolina (3400 ab.), paese a storica vocazione artiginale ed imprenditoriale.

 

La sua storia ha origini molto antiche. Gli scavi archeologici della necropoli picena, effettuati tra il 1948 ed il 1953, testimoniano primi insediamenti nel territorio nell’ VIII secolo a. C.. Poi il territorio passò al controllo dei Romani (del periodo romano alcune tombe nella stessa area della necropoli picena) e subì le invasion barbariche. Verso metà del X secolo d. C. fu  edificato dai monaci Farfensi il castello, primo nucleo abitato del paese, denominato Montebello; poco dopo passò sotto la dominazione dei Canonici della Cattedrale di Fermo, che ne mutarono il nome in Grotta dei Canonici (Crypta Canonicorum).

 

Il nuovo nome di Grotta Azzolina, ha origini nel Basso Medievo: fu Azzo VII, detto Azzolino, a ribattezzare così il paese dopo aver preso possesso della Marca Fermana nel XIII secolo. Dal XIV secolo Grottazzolina fu sotto il dominio della città di Fermo, retta da un governo libero sotto lo Stato della Santa Sede. Il castello di Grottazzolina subì ripetuti saccheggi e occupazioni nel corso  degli anni e solo dopo il 1465 fu riportato l'ordine da parte del Senato Fermano. Grottazzolina fu fortificata dal Signore di Fermo Oliverotto Uffreducci, il quale vi istituì una fonderia di cannoni: di qui si narra derive la grande passione grottese per gli spari, i tonanti, e poi per I fuochi artificiali, tipici della storica festa patronale.

 

Il centro fu eretto a libero Comune nel 1537, ma dopo 10 anni tornò sotto la giurisdizione di Fermo per ordine del Papa. Dal 1600 Grottazzolina fu poi governata, come altri 47 Castelli dalla città di Fermo, attraverso Podestà e Vicari. Infine, dopo la battaglia di Castelfidardo, la sua storia si fonde con quella del Regno d’Italia ed inizia l’autonomia comunale.   La sua vivacità anche politica ha fatto sì che sulla sedia di primo cittadino sedessero personaggi del calibro del baritono Francesco Graziani (1895 - 1901) e Vincenzo Monaldi (negli anni ’20 fino all’avvento del fascismo che lo costrinse violentemente all’abbandono della vita politica) professore di fama mondiale e primo ministro della Sanità della Repubblica Italiana. L’ultimo secolo grottese è caratterizzato da un importante sviluppo artigianale e dalle piccole e medie imprese. Ancora oggi il territorio è capace di conciliare i mestieri di una volta con le moderne tecniche produttive.

 

Vari i monumenti da visitare. Al centro dell’insediamento storico, il Castello Azzolino, simbolo dell'orgoglio cittadino, con la sua cisterna medievale.

 

La Cozzana, quartiere di antica memoria, abbraccia invece il lato est della piazza Umberto I dove sorge il Palazzo Benedetti, ex ospedale ora sede associativa.

 

Le chiese sono poi dei veri gioielli. La parrocchiale di S. Giovanni Battista (ricostruita nel 1684, la precedente romanico – gotica occupava il sito di un tempio romano pagano e di una prima Chiesa paleo - cristiana ) fu catalogata fra i Monumenti Nazionali soprattutto per i suoi pregevoli stucchi. L’Inventario Nazionale degli Oggetti d’Arte del 1936 registra in particolare il quadro davanti l’altare maggiore, dipinto ad olio su tela raffigurante il Battesimo di Gesù, probabile opera di Ubaldo Ricci nel secolo XVII, con ricordi del Pomarancio. La Chiesa del Ss. Sacramento e Rosario (XVII sec.) conserva vari affreschi e pala d’altare di Luigi Fontana (1884), una statua della Madonna della Neve in legno dorato e dipinto, realizzata dell’artista napoletano Aniello Stellato nel 1612 e un organo callido. S. Maria a Piè di Costa conserva invece ancora affreschi databili al secolo XV. Monumenti più recenti il teatro Comunale “Ermete Novelli” in stile liberty e il Palazzo Comunale , in stile romanico con intonazione medievale e interessante torre merlata, frutto dell’opera di una cooperativa locale.

 

Da rimarcare infine la vocazione associsionistica del paese e le due principali feste: quella patronale dedicate alla Beata Vergine del Perpetuo Soccorso ad inizio Giugno e la Rievocazione Storica “I Giorni di Azzolino “ad inizio Agosto.

 

A cura di Giorgio Litantrace, vicesindaco e ass.re alla cultura

Notizie

Filofest 2019 - Ricostruire l'umano

Alti contenuti, linguaggio accessibile, nei luoghi della quotidianità. Su questa scommessa si fonda Filofest.

La possibilità di praticare una sorta di filosofia di strada, uscendo dai ristretti recinti accademici.

Torneo Cavalleresco Castel Clementino

Atmosfere medievali nel centro storico di Servigliano.

Festa del sole

Una festa magica, con il sole che attraversa la Torre di Odorisio.

Prodotti tipici
La Galantina di Grottazzolina

La Galantina di Grottazzolina

Prodotti tipici - Km 0.746
Li Caciù co’ la Fava

Li Caciù co’ la Fava

Prodotti tipici - Km 9.243
Tagliatelle fritte

Tagliatelle fritte

Prodotti tipici - Km 9.863
Lu serpe (o lu serpu)

Lu serpe (o lu serpu)

Prodotti tipici - Km 10.617
Caciotta del fermano

Caciotta del fermano

Prodotti tipici - Km 11.04

©2019 Marca Fermana Via Oberdan, 1, - 63822 Porto San Giorgio (FM)
tel. 0734.221621 - e-mail: segreteria@marcafermana.com

Pec: certificata@pec.marcafermana.it

©Tutti i diritti riservati - Cookie Policy - Credits