Amandola
Piazza Risorgimento, 17
63857 Amandola (FM)
Italia
0736/840703
0736 848037
Descrizione

Cenni storici:

Nel periodo che va dal 568 al 570 Amandola fu invasa dai Goti e poi dai Longobardi. Nel 700 fu incorporata nel Ducato di Spoleto,successivamente diviso nelle grandi marche di Camerino e di Fermo. I ripetuti interventi dei Franchi e la donazione di molti terreni alla Chiesa da parte del re Pipino determinarono la divisone del Ducato di Spoleto. Nel 1249, dall'unione dei feudi Agello, Castel Leone e Marrubbione, si costituì il Comune di Amandola racchiuso in una cinta muraria perimetrale di 2230 metri con 5 porte: Agello, S.Giacomo (l'unica ancora esistente), Marrubbione, S.Antonio e Putei. Le piazze pubbliche erano tre: la platea Animalium, usata per le fiere del bestiame, la platea Magna, luogo dove si tenevano le assemblee popolari e i festeggiamenti, la platea Vallelonga, antica piazza del mercato.Alla fine del XVI secolo vennero stipulati importanti accordi tra Amandola e i comuni circostanti per la definizione dei confini. Nel 1798 Amandola subì l'impatto delle forze napoleoniche e, a causa di un tentativo di resistenza, affrontò un saccheggio conclusosi con la profanazione del sarcofago del Beato Antonio. Solo nel 1800 terminò l'occupazione francese e venne ripristinato il governo pontificio. Durante la seconda guerra mondiale Angelo Biondi venne fucilato nella piazza principale. Nel marzo del 1944 le truppe tedesche ingaggiarono un breve conflitto con i partigiani il quale terminò con la fucilazione di 10 uomini.

Monumenti, chiese:
- Abbazia dei Ss.Vincenzo e Anastasio (s.XI, Loc.Abbadia);
- Abbazia dei Ss.Ruffino e Vitale (s.XIII, Loc.San Ruffino);
- Chiesa di S.Agostino, Santuario del Beato Antonio (s.XIV, P.zza Risorgimento);
- Chiesa di S.Bernardino e Convento dei Cappuccini (s.XV, Colle Marrubbione);
- Chiesa di S.Francesco con annesso chiostro ed oratorio del Ss.Rosario (s.XIII, Piazzale Leopardi);
- Chiesa di S.Maria della Misericordia a piè d’Agello (s.XV, Loc.S.Maria);
- Chiesa di S.Pietro e Monastero di S.Lorenzo (s.XIII, Agello);
- Chiesa della Ss.Trinità (s.XIII, Agello);
- Torrione del Podestà (s.XIV, P.zza Umberto I o Piazza Alta)
- Ponte Romanico Gotico sul Tenna (s.XV)

Ufficio informazioni turistiche
Apertura: tutti i giorni dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:30 alle ore 19:00. Chiusura: domenica pomeriggio
Recapito telefonico: 0736 840731
E-mail: turismo.amandola@gmail.com
Pagina Facebook: Ufficio Turistico Amandola

Guide turistiche: Recapito telefonico di riferimento 335 6070085 - 0736 840731

Area sosta camper comunale
Piazzale Sandro Pertini (vicino al campo sportivo). Coordinate GPS N 42°58'19'' E 13°21'11'
Area di sosta recintata e a pagamento.
Servizi: presa luce, illuminazione. Distanza dal centro storico: 1500 mt, nelle vicinanze fermata navetta.
In caso di chiusura contattare: Tel. 320 3314948 - 331 6995048 - 3332910195

Tradizioni locali:
Attività tipiche: Agricoltura, Artigianato
Enogastronomia: Tartufo Bianco Pregiato, Salumi, Miele
Curiosità e aneddoti: Secondo la leggenda, Fillide, figlia di Licurgo Re di Sparta, era andata in sposa al bel Demofonte, partito per la guerra di Troia. La guerra era terminata ma Demofonte tardava a tornare dall'amata, alla quale era giunta la falsa notizia che il suo sposo, invaghitosi di un'altra fanciulla non sarebbe più tornato. Fillide disperata scappò dalla Grecia e giunta sui sibillini nel luogo dell'antico Castel Leone si tolse la vita e il suo corpo si tramutò in un mandorlo, un grande albero, bello ma privo di foglie. Demofonte fa ritorno a casa e, non trovando la donna amata decise di mettersi in viaggio alla sua ricerca. Giunto anch'egli su Castel Leone apprende la tragica fine di Fillide, non gli restò altro da fare che abbracciare il tronco di quel mandorlo che, come per incanto, divenne subito frondoso e ricco di gemme. Da quel mandorlo antico, nato sull'altura di Castel Leone, prese il nome la città di Amandola.

Notizie

Diamanti a Tavola 2018

Festival del Tartufo bianco pregiato dei Monti Sibillini.

Le escursioni nel Fermano

Il territorio della Provincia di Fermo offre scenari incantevoli, dal litorale sabbioso passando per le dolci colline, fino ad arrivare alla montagna che d'inverno si tinge di bianco. 

SmartMarca, il territorio a portata di click

Il Fermano come non l'avete mai visto. Poter guardare il territorio con occhi nuovi. Anzi, con occhi diversi.

Prodotti tipici
Tartufo

Tartufo

Prodotti tipici - Km 8.371
Il “Coppu” di Montelparo

Il “Coppu” di Montelparo

Prodotti tipici - Km 15.492
Lu serpe (o lu serpu)

Lu serpe (o lu serpu)

Prodotti tipici - Km 16.742
Li Caciù co’ la Fava

Li Caciù co’ la Fava

Prodotti tipici - Km 18.937
La Galantina di Grottazzolina

La Galantina di Grottazzolina

Prodotti tipici - Km 25.376

©2017 Marca Fermana Via Oberdan, 1, - 63822 Porto San Giorgio (FM)
tel. 0734.221621 - e-mail: segreteria@marcafermana.com

Pec: certificata@pec.marcafermana.it

©Tutti i diritti riservati - Cookie Policy - Credits